Erica Bisesi – programma musicale Festival

17° FESTIVAL CONCERTISTICO INTERNAZIONALE “SEGHIZZINREGIONE”
Sabato 13 luglio 2019, ore 21
Gorizia, Galleria Seghizzi, Corso Verdi 85
Ingresso libero


LA MUSICA E LE ARTI: INCONTRI CON POESIA E PITTURA


Programma

Franz Liszt, Da “Années de pèlérinage”, S. 161 – Deuxième année. Italie

Franz Liszt: Sonetti del Petrarca

   – Sonetto 123. “I’ vidi in terra angelici costumi”

   – Sonetto 104. “Pace non trovo”

Erica Bisesi, pianoforte; Elena Stolfo, voce recitante


“Enigmi e allegorie nella poetica di Raffaello”

Presentazione a cura di Juan Arias Gonano

Franz Liszt, Sposalizio

Erica Bisesi, analisi musicale ed esecuzione


Modest Mussorgsky, Quadri di un’esposizione

Erica Bisesi, pianoforte


ERICA BISESI, nata a Gorizia, è stata avviata allo studio della musica all’età di cinque anni, diplomandosi in pianoforte presso il Conservatorio di Trieste sotto la guida di Roberto Repini. Ha quindi intrapreso un lungo percorso di approfondimento della tecnica e del repertorio strumentale studiando con Bruno Canino a Milano (Accademia Marziali), Firenze (Amici della Musica) e Svizzera (Ernen Musikdorf), il direttore d’orchestra Francesco Mander a Latisana, i pianisti Aquiles Delle Vigne a Salisburgo (Internationale Sommerakademie Mozarteum), Firenze e Roma (Musici Artis), Vladimir Krpan a Zagabria (Accademia di Musica), Anna Kravtchenko a Rovereto, e Andreas Woyke a Graz. Tiene regolarmente concerti in Italia e all’estero, sia in qualità di solista che in svariate formazioni cameristiche, e affrontando il più importante repertorio classico, romantico e contemporaneo. La sua formazione artistica comprende anche un percorso di formazione teatrale presso l’Associazione Artisti Associati di Gorizia sotto la direzione dell’attore e regista Walter Mramor (dizione e recitazione, storia del teatro, arte scenica, movimento del corpo), e la partecipazione a svariate rappresentazioni teatrali (opere di Guillaume de Lorris/Jean de Meung, Edgar Allan Poe, Oscar Wilde, Luigi Pirandello, Francesco Petrarca, Dante Alighieri, Thomas Mann).

Alterna da sempre l’attività artistica con gli studi e la ricerca scientifica. Il suo percorso accademico è multidisciplinare: Dottorato di Ricerca in Matematica e Fisica, Master of Arts in Interpretazione Pianistica, Master of Music in Analisi e Teoria Musicale (in fase di completamento), Master of Science in Astrofisica. Erica è attualmente ricercatrice presso l’Istituto Pasteur di Parigi nell’ambito di un progetto interdisciplinare sull’antropologia della cognizione musicale e le neuroscienze. Ha insegnato acustica e psicoacustica presso il Conservatorio di Udine, cognizione musicale e musicologia sistematica presso le Università di Graz e Bratislava, ed è attiva come docente di metodi computazionali per l’analisi musicale presso l’Università di Montréal. Ha diretto o partecipato a diversi progetti sulla musicologia sistematica presso il Centro di Musicologia Sistematica di Graz (KFU Universität) e l’Istituto Reale di Tecnologia di Stoccolma (KTH), collaborando altresì con università o conservatori in Armenia (Conservatorio di Stato di Yerevan, Accademia Nazionale delle Scienze della Repubblica d’Armenia, Istituto-Museo Komitas di Yerevan), Canada (Facoltà di Musica dell’Università di Montréal, Osservatorio Interdisciplinare per la Creazione e la Ricerca Musicale – OICRM), Finlandia (Centro di Eccellenza Finlandese per la Ricerca Interdisciplinare sulla Musica a Jyväskylä), Francia (Societé Française d’Analyse Musicale – SFAM, École des hautes études en sciences sociales – EHESS/Georg Simmel Center, CNRS, Institut de Recherche Mathématique Avancée – IRMA/Università di Strasburgo), Italia (Gruppo di Analisi e Teoria Musicale – GATM, Fondazione Istituto Liszt di Bologna, Conservatori di Udine, Trieste, Como e Novara, Università di Udine, Padova e Bologna), Slovacchia (Dipartimento di Musicologia dell’Università di Bratislava), Svizzera (Conservatorio della Svizzera Italiana a Lugano).

Oltre ad aver partecipato a convegni e tenuto seminari scientifici in tutto il mondo, negli ultimi anni Erica ha dedicato una speciale attenzione all’accostamento della propria attività di ricerca a quella concertistica; tutte le maggiori opere di cui si occupa dal punto di vista scientifico e musicologico fanno anche parte del suo repertorio strumentale. Focalizzando il proprio discorso sui temi dell’espressività musicale e del rapporto tra struttura, emozione e immaginazione, come pure su approcci innovativi volti a integrare analisi ed esecuzione, ha tenuto seminari, lezioni-concerto e recital in Austria (Università per la Musica e le Arti Interpretative di Vienna, Karl-Franzens-Universität, Kunstniversität e Musiksalon Erfurt di Graz), Canada (Università di Montréal, Laboratorio Internazionale per la Ricerca su Cervello, Musica e Suono – BRAMS), Israele (The Buchmann-Mehta School of Music di Tel Aviv, Università Ebraica e Istituto Van Leer di Gerusalemme), Regno Unito (Royal College of Music di Londra), Serbia (Sesta Conferenza Mondiale di Pianoforte a Novi Sad), Slovenia (Accademia di Musica di Ljubljana), Svezia (Istituto Reale di Tecnologia di Stoccolma), Slovacchia (Dipartimento di Musicologia e Štúdio 12 di Bratislava), Ungheria (Accademia Musicale Franz Liszt di Budapest). In Italia, si è esibita al Circolo Filologico Milanese, Teatro Miela, Museo Revoltella e Sala Tartini di Trieste, Auditorium della Cultura Friulana e Kulturni Dom di Gorizia, Teatro Massari di San Giovanni in Marignano, Sala Pegasus di Spoleto, Convegno Internazionale di Analisi e Teoria Musicale a Rimini.

La sua attività di ricerca verte principalmente sulla cognizione musicale, l’antropologia della musica, l’interpretazione, l’espressività e l’emozione in musica, l’analisi e la teoria musicale, l’etnomusicologia, nonché sull’applicazione dei risultati dei propri studi in ambito didattico.

Erica parla correntemente cinque lingue. Fortunatamente per la sua vita e la sua carriera, ama viaggiare.

Collegamenti esterni:

http://www.ericabisesi.com/english/science/publications.htm
https://www.youtube.com/channel/UCWw-E1l2t30xkJxZWV2ynYg
http://www.circuitomusica.it/ericamusic/articles

 


 

JUAN ARIAS GONANO


 

ELENA STOLFO ha frequentato corsi di formazione teatrale (dizione, movimento del corpo, recitazione, storia del teatro) e stages di perfezionamento presso l’Associazione Artisti Associati di Gorizia, sotto la direzione di Walter Mramor. Ha quindi preso parte, con ruoli importanti e la regia di Walter Mramor, a svariate rappresentazioni teatrali: Questa nostra piccola città di Thornton Wilder, 1992 (spettacolo primo classificato a Collecchio  al Festival Nazionale delle Scuole di Teatro); Lo strano sistema del dott. Catrame e  del prof. Piuma di Edgar Allan Poe, 1993 (spettacolo primo classificato a Città di Castello al Festival Nazionale delle Scuole di Teatro); Blues e i poeti maledetti, recital di poesie della Beat Generation su musiche di Giulio Nerini, 1994; Notti bianche di Fedor Dostoevskij, produzione degli A. Artisti Associati, stagione 1994/1995; Le commedianti di Carlo Goldoni, 1995. Nel 1995 ha collaborato come voce recitante alla messa in scena dell’opera multimediale Scelta vitale di Giulio Nerini. Nel 1998 ha partecipato a La sera di Carlo Michelstaedter … Fraseggio poetico, regia e musiche di Giulio Nerini – serata di inaugurazione di un ciclo di incontri su poeti e scrittori locali presso la Biblioteca Statale Isontina. Nel 2001 ha preso parte all’inaugurazione della mostra Sensazioni d’incontro di Giulio Nerini, recitando alcune liriche di Carlo Michelstaedter. Ha quindi collaborato come voce recitante alle realizzazione del CD Il volo della crisalide di Giulio Nerini, sempre dedicato al poeta e filosofo goriziano Carlo Michelstaedter. Laureata in lingue e letterature straniere presso l’Università di Udine, attualmente insegna lingua inglese presso la scuola media di Mariano del Friuli.