Comunicato Stampa Seghizzi 2017

PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI MUSICALI INTERNAZIONALI “SEGHIZZI” 17-24 LUGLIO 2017

Le manifestazioni musicali “Seghizzi” sono un appuntamento tradizionale non solo per Gorizia, ma anche per l’intero mondo corale. Infatti i 56 anni ininterrotti del concorso internazionale di canto corale rappresentano una vetrina internazionale non solo per i cori che vi partecipano o che vi assistono, ma anche per la cultura che rappresentano, per le infinite storie di cui sono “portatori” i gruppi, i singoli esecutori, i musicisti di Paesi innumerevoli. Ciò che la “Seghizzi” offre non passa mai di moda perchè è la vita che si fa musica e canto. Festival, Concorso, Grand Prix, concerti, convegno, mostre. Per otto giorni, da lunedì 17 a lunedì 24, a Gorizia il mondo diventa musica e Gorizia diventa una riconosciuta capitale del mondo corale. Programmi musicali estremamente diversificati: dal sacro al profano, dall’antico al moderno, dal classico al popolare. Otto giornate di musica, 500 coristi, 20 concerti a Gorizia, Palmanova, Campolongo-Tapogliano, Monfalcone, Chiopris-Viscone, Susegana, Jalmicco, Budoia, Gradisca d’Isonzo, Tavagnacco, Cervignano del Friuli, Villesse, Fiumicello, Spilimbergo, Tolmezzo, Coseano. Il clou degli eventi domenica 23 luglio nel Teatro Verdi di Gorizia: nel pomeriggio il Grand Prix, in serata il concerto di gala dei cori vincitori. Ingresso libero a tutti gli eventi. Uno spazio particolare è stato riservato al festival Seghizzinregione giunto alla sua 15esima edizione. Con esso la “Seghizzi” consolida ed estende il suo rapporto con il territorio nel segno della condivisione e dell’intrecciarsi di interessi culturali, storici, musicali e, perché no, anche turistici. Una reciproca conoscenza che è anche strumento utile per favorire concretamente la pacifica convivenza fra i popoli. Una dimensione sociale, culturale e politica dal valore non monetizzabile.

Come sempre, dunque, i veri protagonisti delle manifestazioni “Seghizzi” sono i cori, che in questa edizione sono: Loboc Children’s Choir (Bohol, Filippine); Coro da Camera Hebel (Saronno, Italia); Coro Polifonico S. Croce (Sorso, Italia); Cantemus Choir (Chisinau, Moldova); Grex Vocalis (Oslo, Norvegia); Wytwornia Jazz Choir (Lodz, Polonia); Youth Mixed Choir of the school “J. Marinkovic” (Zrenjanin, Serbia); APZ Tone Tomšič (Lubiana, Slovenia); Chamber Choir Sophia (Kiev, Ucraina); Artos Choir (Lviv, Ucraina); The Gemma Singers (Budapest, Ungheria). Al Festival partecipano anche alcuni cori regionali: il coro “Lorenzo Perosi” di Fiumicello, il coro “Seghizzi” di Gorizia, il coro “Schiff” di Chiopris-Viscone, i quali collaborano anche alla realizzazione degli eventi assieme a molte decine di volontari.

Una giuria internazionale di musicisti valuterà sia le esibizioni nelle diverse categorie di programmi sia le composizioni del concorso di composizione: Alexandre Beneteau (Francia), Luca Scaccabarozzi (Italia), Jānis Ozols (Lettonia), Magdalena Wdowicka-Mackiewicz (Polonia), Sebastjan Vrhovnik (Slovenia), Tadeja Vulc (Slovenia), József Nemes (Ungheria),  Giuseppe Di Bianco (Italia), Pietro Ferrario (Italia). Saranno poi questi stessi musicisti a dar vita a incontri e conversazioni, che sostituiscono e rinnovano la formula congressuale.

Una particolare citazione va riferita al XIII premio internazionale “Una vita per la direzione corale” che quest’anno sarà assegnato al M° Tullio Riccobon per gli straordinari meriti musicali acquisiti in oltre quarant’anni di carriera con un attivo di oltre 500 concerti  e innumerevoli riconoscimenti, fra i quali ben diciotto primi premi in prestigiosi concorsi internazionali.

È doveroso infine ricordare gli sponsor ufficiali della manifestazione: la Regione Friuli Venezia Giulia, la Fondazione CaRiGo, la CCIAA di Gorizia, il comune di Gorizia e, speriamo, il Ministero dei Beni culturali. Oltre ad essi dobbiamo ricordare anche le altre moltissime collaborazioni, senza le quali sarebbe impossibile realizzare le manifestazioni “Seghizzi”: Amministrazioni comunali, Aziende, Associazioni, Parrocchie, Cori. Tutti questi Enti (complessivamente una cinquantina) rappresentano una sinergia concreta e culturale sempre più ampia, che dimostra inequivocabilmente la validità del progetto musicale e culturale “Seghizzi”. Una storia che guarda al 2020: il primo centenario di vita.